Regione Lazio Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua

Regione Lazio Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua

logologo_smp_consulting

Ente
Regione Lazio

Nome
Determinazione n. G04454 del 02/05/2016

Oggetto
Crescita dell’adattabilità dei lavoratori attraverso la formazione continua 2016 – 2018

Regione
Lazio

Provincia
Roma – Viterbo – Rieti – Latina – Frosinone

Apertura bando
13/06/2016

Scadenza bando
26/07/2018

Modalita’
Non è a modalità a sportello

Spese ammissibili

L’Autorità di Gestione del POR FSE 2014-2020 della Regione Lazio riprende le medesime metodologie di costo utilizzate nella precedente programmazione, in quanto risultano attuali e garantiscono l’efficienza e l’efficacia richiesta dalla nuova programmazione. Sulla base di un’opportuna analisi storica dei costi, l’AdG ha definito un parametro standard di costo ora allievo, differenziato sulla base del numero di partecipanti al corso (allievi effettivamente formati). Dal momento che il contributo è calcolato in base alle quantità (ore di formazione realizzate), le quantità dichiarate dovranno essere certificate dal soggetto attuatore, giustificate ed archiviate in vista dei controlli previsti dai regolamenti comunitari e dal sistema di gestione e controllo del programma. In conseguenza all’adozione del costo unitario standard, ai fini della quantificazione del contributo a consuntivo, i costi sostenuti dal soggetto attuatore per realizzare quanto previsto nel progetto approvato, non devono essere comprovati da documenti giustificativi delle spese; la quantificazione del contributo riconosciuto a consuntivo è subordinata alla verifica della corretta e coerente attuazione delle attività e dal raggiungimento dei valori obiettivo previsti dal presente avviso (ore di formazione erogate e numero allievi validi coinvolti). Le spese ammesse sono relative alla docenza, al coordinamento, al tutoraggio, amministrazione del piano e materiale didattico. Destinatari degli interventi: I destinatari del presente Avviso possono essere: – lavoratori occupati presso imprese operanti in unità localizzate nel territorio regionale con contratto di lavoro dipendente (tempo indeterminato, tempo determinato a tempo pieno o a tempo parziale) e con forme contrattuali previste dalla normativa vigente, compresi i soggetti assunti con contratto di apprendistato, purché la formazione svolta nell’ambito del progetto presentato non sostituisca in alcun modo la formazione obbligatoria per legge, prevista per gli apprendisti; – titolari d’impresa, manager a contratto, lavoratori autonomi.

Massimo valore del contributo
Il valore economico dei piani è valutata sulla base dei costi di costo ora allievo, differenziato sulla base del numero di partecipanti al corso (allievi effettivamente formati) pari a: Corso di formazione per 6 – 9 Partecipanti – parametro = € 24/ora/Partecipante Corso di formazione per 10 – 13 Partecipanti – parametro = € 22/ora/Partecipante Corso di formazione per 14 – 16 Partecipanti – parametro = € 17/ora/Partecipante. Sulla base dei parametri indicati dal bando, dalla composizione della classe e dalla durata del corso, l’importo massimo del progetto è di € 34.000.000,00. I Corsi Multiaziendali non potranno essere autorizzati con meno di 10 partecipanti. Sono ammessi gli Uditori per un massimo del 20% della composizione dell’aula con arrotondamento all’unità superiore. Il riconoscimento a consuntivo del costo dell’intervento (al netto di eventuale cofinanziamento privato) è subordinata alla realizzazione delle seguenti condizioni: – dall’effettiva realizzazione, da parte dell’ente attuatore, dell’intero percorso formativo; – dall’effettiva partecipazione dell’allievo, con certificazione della presenza sull’apposito registro, ad almeno il 70% del totale delle ore di formazione previste dall’operazione. Nel caso in cui un allievo non raggiunga le percentuali minime di frequenza sopra riportate, per tale allievo non sarà riconosciuto alcun finanziamento. Analogamente, nel caso in cui il percorso formativo non giunga a termine, non sarà riconosciuto alcun contributo.
Intesità del contributo
L’intensità massima del finanziamento è del 50%. Tale intensità può essere aumentata, fino a un’intensità massima del 70% dei costi ammissibili, nei seguenti casi: – di 10 punti percentuali se la formazione è destinata a lavoratori con disabilità o lavoratori svantaggiati; – di 10 punti percentuali se la beneficiaria è una media impresa e di 20 punti percentuali se la beneficiaria è una piccola impresa. Dimensione Azienda Formazione Formazione a Lavoratori con disabilità o svantaggio Grande Impresa 50% 60% Media Impresa 60% 70% Piccola Impresa 70% 70% Qualora l`aiuto sia concesso nel settore dei trasporti marittimi, l’intensità può raggiungere il 100% dei costi ammissibili, purché i partecipanti al progetto di formazione non sono membri attivi dell`equipaggio, ma sono soprannumerari, e la formazione viene impartita a bordo di navi immatricolate nei registri dell’Unione.
Regime di agevolazione
1 Regime “de minimis” – Regolamento (UE) n. 1407/2013 del 18/12/2013

2 Regime di Esenzione – Regolamento (UE) n. 651/2014 del 17/06/2014

Regime di agevolazione

1 Regime “de minimis” – Regolamento (UE) n. 1407/2013 del 18/12/2013
2 Regime di Esenzione – Regolamento (UE) n. 651/2014 del 17/06/2014

Categoria dimensionale

Micro impresa
Piccola Impresa
Media impresa
Grande impresa

Note

In particolare, le finalità degli interventi sono così sintetizzabili: – favorire la valorizzazione e il rafforzamento del patrimonio culturale e professionale dei lavoratori promuovendo un maggiore investimento nelle risorse umane, sia attraverso l`elaborazione e l’applicazione di sistemi e strategie che garantiscano un più agevole accesso alla formazione, sia attraverso attività corsuali che sostengano le capacità di adattamento dei lavoratori accrescendone e migliorandone la qualificazione professionale e le competenze; – garantire ai lavoratori a maggior rischio di espulsione dal mondo del lavoro, come quelli meno qualificati o più anziani, l’accesso ad interventi di rafforzamento delle competenze e/o di riqualificazione professionale finalizzati ad adeguarne le capacità sulla base delle esigenze dell’impresa e del mercato; – migliorare la qualità del lavoro e favorire l’introduzione di innovazioni organizzative, di processo e di prodotto attraverso un’offerta formativa on demand basata sulle esigenze specifiche individuate dalle imprese. Ulteriore finalità è il sostegno ad interventi operati su situazioni di crisi aziendale o di bacino e finalizzati a sostenere recuperi di competitività, processi di riorganizzazione finalizzati alla tenuta occupazionale e la costruzione di alternative occupazionali sostenibili nei casi di irreversibilità dei processi di crisi. Attraverso l’Avviso saranno finanziati interventi finalizzati ad incidere sulla condizione delle popolazioni occupate con particolare attenzione alle categorie più fragili: ultraquarantenni e ultracinquantenni, donne in settori e in ruoli a squilibrio di genere, disabili, altri appartenenti alle fasce deboli, lavoratori in genere a rischio di blocco professionale o di espulsione precoce dal mercato del lavoro, lavoratori in condizione di precarietà occupazionale. Possono presentare domanda di finanziamento i seguenti soggetti: – Imprese aventi sede legale e operativa nella Regione Lazio oppure aventi sede legale fuori del Lazio ma almeno una sede operativa ubicata nel territorio regionale. – Si precisa che le imprese devono avere almeno una sede operativa al momento del pagamento del primo acconto e devono esercitare un’attività economica compatibile con le norme previste dal regime di aiuto prescelto. – Operatori della Formazione, su delega espressa delle imprese interessate, già accreditati o che hanno presentato domanda di accreditamento prima della presentazione della proposta ai sensi della normativa regionale per la Formazione Continua; – Associazioni Temporanee d’Impresa o di Scopo (ATI/ATS) composte da una impresa e uno o più Operatori accreditati per la Formazione Continua ai sensi della normativa regionale. La presentazione delle proposte potrà avvenire nei giorni corrispondenti ai periodi indicati:

scheda

Condividi questo post


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi